Grande TorinoMe Grand Turin

Russ cume 'l sang
fort cume 'l Barbera
veuj ricurdete adess, me grand Turin,
En cui ani 'd sagrin
unica e sula la tua blessa jera.

Vnisìu dal gnente, da guera e da fam,
carri bestiame, tessere, galera,
fratej mort en Russia e partigian,
famiìe spantià, sperduva ogni bandiera.

A jeru pover, livid, sbaruvà,
gnanca 'n sold 'n sla pel e per rusché
at duravi surié, brighè, preghè
fina a l'ultima gusa del to fià

Fumè a vuria dì na cica 'n quat,
per divertisse a duviu rii 'd poc,
per mangè a mangiavu fina i gat,
jeru gnun: i furb cume i fabioc.

Ma 'n fiur l'aviu e t'jeri ti, Turin,
tajà 'n tl'asel jera la tua bravura
giuventù nostra, che tuti i sagrin
purtavi via cunt tua facia dura.

Tua facia d'uveriè, me Valentin!,
me Castian, Riga, Loik, e cul pistin
'd Gabett, ca fasia vni tuti fol
cunt vint dribbling e poi jera già gol

Filadelfia! Ma chi sarà 'l vilan
a ciamelu 'n camp? Jera na cuna,
'd speranse, 'd vita, 'd rinasensa,
jera sugnè, crià, jera la luna,
jera la strà dla nostra chersensa.

T'las vinciù 'l mund
a vintani t'ses mort.
Me Turin grand
me Turin fort.

Giovanni Arpino

14 Novembre 2000

 

 

 

 

 

 

Mio grande Torino

Rosso come il sangue

forte come il barbera

voglio ricordarti adesso, mio grande Torino,

nei cui anni di tristezza

unica e sola era la tua bellezza.

Venivamo dal niente, dalla guerra e dalla fame

carri bestiame, tessere, galera,

fratelli morti in Russia e partigiani

famiglie spiantate, sperduta ogni bandiera.

Eravamo poveri, lividi, spaventati

nemmeno un soldo sulla pelle e per lavorare

dovevi sorridere, brigare, pregare

fino all’ultima goccia del tuo fiato.

Fumare voleva dire una cicca in quattro,

per divertirsi dovevamo ridere di poco,

per mangiare mangiavamo anche i gatti,

non eravamo nessuno: sia i furbi che gli stupidi.

Ma avevamo un fiore, ed eri tu, Torino,

la tua bravura era tagliata nell’acciaio,

nostra gioventù, che tutte le preoccupazioni

portavi via con la tua faccia dura.

La tua faccia da operaio  come Valentino,

come Castigliano, Rigamonti, Loik  e come quel damerino

di Gabetto che faceva impazzire tutti

con venti dribbling e poi era in gol.

Filadelfia! Ma chi sarà il villano

a dire che è un campo? Era una culla

di speranze, di vita, di rinascita,

era sognare, gridare, era la luna,

era la strada della nostra crescita.

Hai vinto il mondo,

a vent’anni sei morto.

Mio grande Torino,

mio forte Torino.

 

Giovanni Arpino

 

14 Novembre 2000