Il Blog del Toraz

"Il mondo è pieno di splendidi colori, non è forse un peccato ridurlo al bianco e nero?"
(Dennis R. Little)
 
Io sostengo 12Dicembre

lunedì, gennaio 31, 2005

15a Giornata: Bobo fa volare i Los CuLobos


Bobo Gol, cannoniere ritrovato dei Los CuLobos

La classifica si allunga: con una bella vittoria per 3-1 i Los CuLobos annientano i Soul Cruzeiros e le loro speranze di veloce aggancio alla vetta. I Gay Kulako approfittano del turno favorevole contro i derelitti della Gattinapoli e non mollano la pressione su Monichigna....
Il resto della giornata vede uno scialbo pareggio tra Antigobbi e Babbuguillas ed i fortissimi Sticchiolecconi privi di Adrianhulk ancora sconfitti, questa volta dalla Culandiolese. Comunque è solo sfortuna, coach Perozzi è fortissimo a fantacalcio...... ehehehehehahahahahahaahahahaahahahaha.....

martedì, gennaio 25, 2005

Coppa Italia: doppio 2-0 nelle semifinali

La finale sembra ormai essere già delineata.
A meno di clamorose sorprese saranno infatti le due neopromosse, Babbuguillas e Gay Kulako, a disputare la doppia finale.
La squadra di coach Mandrillo ha vinto a casa dei Soul Cruzeiros per 2-0, un risultato che non lascia spazio a molte speranza per Apicella.
Con lo stesso punteggio il Pinella sconfigge la Candiolese, sempre più in crisi.
Il bomber di Candiolo, Vincenzino Montella, minaccia la società di andarsene: "Candiolo è un bel paesino, ma a me sta stretto; la città mi attrae di più. Voglio Torino, voglio gli Antigobbi".
Il Presidente degli Antigobbi nicchia, ma sembra solo una smentita di facciata......

lunedì, gennaio 17, 2005

Finali di andata Champion's e Intertoto


L'Aeroplanino di Candiolo

L'Aeroplanino di Candiolo salva Giambà dalla disfatta casalinga contro i favoritissimi Soul Cruzeiros. In vantaggio 2 a 0 grazie ai soliti Sheva e Kakà, i Soul si sono fatti raggiungere al grido di "Potevi daje un pochet coffi".
Nella finale di andata Intertoto, invece, gli Sticchiolecconi superano in casa i Los CuLubos per 2-1, grazie ad una strepitosa prestazione di Miccoli.
Entrambe le finali sono ancora apertissime.... dipenderà tutto dalla forma delle squadre nelle gare di ritorno che si terranno fra 8 settimane.

sabato, gennaio 15, 2005

Risus abundat in ore stultorum
Il riso abbonda sulla bocca di Emi, Pino, Robi, Paolino e Macci

Sono felice.
Ieri sera mercato di fantacalcio. A farla da padrone nell'ilare serata non è stato il solito numero del Secco che ha acquistato un centrocampista e per fargli posto ha tagliato un attaccante, ma due parole che ho pronunciato: "SE AVREBBE".
Ovviamente non sono potuto andare avanti nella frase, dato che era già scattata la ola (guidata dal Secco e seguita a ruota dai Fab Four - ossia i 5 dell'Accademia della Crusca) unita ad un'ovazione di risate che ha cancellato in un solo istante la musica del Fly ed il rumore dei quattro che giocavano a calcio balilla praticamente all'interno delle nostre orecchie.

Giorgio Faletti in 'Vito Catozzo'

Minghia, come diceva Vito Catozzo: "Se io saprei che mio figlio mi diventerebbe un'oricchione....".
Adesso, che non c'é più quel fessacchiotto che fa il balletto di Ridler ogni volta che provo a riaprire la mia boccuccia, espongo il concetto.
Si stava decidendo l'ormai famoso "caso Maldini" e la discussione del momento verteva sul fatto che fosse necessario astrarsi dal risultato della partita tra Soul Cruzeiros e Gay Kulako, per valutare in maniera serena una regola da dare ad una casistica mai verificatasi prima.
Il concetto che volevo esprimere era il seguente: il fatto importante non è quello di capire se il Fantacalcista che schiera un giocatore non suo potrà vincere o meno la partita, ma di penalizzarlo con un "0" al giocarore indipendentemente dal risultato che ci sarà nella partita stessa. Ossia: "Non importa se avrebbe vinto o no il lunedì schierando un giocatore non suo il sabato, importa il fatto che chi schiera un giocatore non suo deve avere una penalità". Il mio errore clamoroso è stato quello di cercare di dirla in questo modo: "Se avrebbe vinto o no il lunedì schierando un giocatore non suo il sabato non importa, importa il fatto che chi schiera un giocatore non suo deve avere una penalità".
Peccato che sul "Se avrebbe" sono stato sommerso dalla gioia (altrui) e non ho più potuto parlare. "Se avesse", "Se avesse", "AHAHAHAHAH", l'orda di barbari che conosce solo il periodo ipotetico (dove il "se" regge effettivamente il congiuntivo) inveiva su di me che cercavo di spiegare.... ma niente. Vaglielo a spiegare che il "se" concessivo e avversativo può introdurre una proposizione col condizionale....
come ad esempio avviene nel testo del libro "Il Porto dei Sogni Incrociati", di Björn Larsson, a pagina 11: "In quei giorni Rosa Moreno veniva presa dalla paura. Al riparo dietro l'angolo di una casa, guardava fisso quell'acqua schiumante, e si chiedeva se avrebbe mai avuto il coraggio di partire. Se avrebbe mai osato vivere.".
Di certo avrei potuto iniziare meglio la frase (tipo: "Non è importante il fatto che avrebbe vinto o meno schierando un giocatore non suo)..... ma non ditemi che lì ci voleva il congiuntivo.
Comunque me lo merito, dato che sono sempre il primo ad esplodere quando qualcuno dice una cagata....
Vi lascio meditare con questo capolavoro di Elio e del grande Mu, sulle note di "Verso l'ignoto" di Marcella e Gianni Bella:
"Ma io vorrei che la mia cacca sarebbe inodore, come quella, corta, di mia mamma, che con le verdurine mi uscisse piano perché, mi presento, perchèèèè, sono il vento, la faccio e poi mi pento, la riannuso, con il naso, la rinnego, é fetente, e cerco di restare un po' più a lungo in apnea....
Ma io vorrei almeno la licenza elementare e azzeccare, tre o quattro congiuntivi, se io potrei lo farei..."


martedì, gennaio 11, 2005

14a Giornata: la domenica del Villaggio


Il Sindaco del Villaggio al Party della Vittoria

No. Non si tratta di una nuova poesia di Leopardi appena scoperta tra i suoi scritti nascosti. E' una vera e propria favola...... quella che narra la prima vittoria in campionato dopo 14 giornate della Gattinapoli!!!
A permettere l'incredibile impresa storica sono stati i fortissimi Sticchiolecconi di coach Perozzi, ancora congelato da capodanno.
La lotta al vertice si fa sempre più avvincente ed articolata, ma a fare notizia è la festa organizzata nel Villaggio Concordia dal Sindaco, nonché presidente della Gattinapoli, Macciolone (nella foto ritratto mentre prepara delle bruschette nella grigliata della festa), in concomitanza con i festeggiamenti del Santo Patrono del Villaggio, San Vittore.
In un attimo di euforia, il Presidente, con in una mano una figu di Gilardino ed in un'atra un piatto di semolino ha dichiarato che ormai la sua Gattinapoli non si pone più limiti: annunciando un colpo di mercato al pari dell'ultimo (Esposito) afferma addirittura di puntare all'obiettivo di una seconda vittoria entro la fine del campionato.

sabato, gennaio 08, 2005

Un Abbraccio

Come dice il Teo.... the end of the Game.
Purtroppo è finito tutto..... ciò che ci resta è il ricordo di una persona speciale, mai scontata, mai banale.
I quattro moschettieri hanno fatto più del possibile, dandoci un pizzico in più di quell'irrazionale speranza che ci animava, che ci spingeva a sperare ad ogni TG, ad ogni squillo di SMS.
Non so a voi.... a me sembra ancora di vederlo in ogni dove.... ad ogni pelata che spunta mi giro e qualcosa in me, per un attimo di follia, cerca di capire se era tutto un brutto sogno.
Da dopo il liceo ci si era decisamente persi di vista e ci si vedeva solo per caso, come purtroppo è successo con la maggior parte delle persone a cui mi sono idealmente stretto in questi giorni.
Resta lo spirito che ci ha riunito così in questi giorni, che ci ha fatto riflettere (anche se nel modo più crudele) sulle cose veramente importanti, che ci ha fatto sentire così vicini.
Restano le belle parole del Grandi: "Se ne è andato nel momento di maggior felicità".
Il mio ricordo più nitido è la scenetta di "Joe Piantapatate" che mi faceva sempre al liceo. Nei miei sogni è lì, dietro lo spioncino di quella porta, con tutti noi che suoniamo al campanello e lui che ci apre, ci vede a bocca aperta e ci dice "Che cazzo fate, entrate".
Un abbraccio da tutti noi, stretti insieme.

13a Giornata: scoppia il "Caso Maldini"


Cesare Maldini al centro delle polemiche

Nella prima giornata del 2005, quella che vedrebbe i Soul Cruzeiros battere la capolista dei Gay Kulako e lanciarsi in vetta in una splendida corsa a 3 (con i Los CuLobos vittoriosi sui Derelitti del Villaggio), esplode un caso che non ha precedenti: Bruzio Apix, allenatore dei Soul, schiera in difesa tale "Maldini".
Non ci sarebbe nulla di strano, se non fosse che Paolo Maldini è un giocatore degli Antigobbi ormai da tempo (che tra l'altro lo hanno acquistato dalla Candiolese). Forse il presidente dei Soul ha acquistato il padre, Cesare, ed ha deciso di schierarlo, ma la cosa non è chiara.....
E' stata aperta un'inchiesta dalla federazione di Fantacalcio ed il risultato della partita con i Mandrilli rimane in sospeso. Si parla di potenziali ammende - dalla più piccola, alcuni punti di penalità, alla più grande, una cena offerta a Macci in stile all you can eat.
In settimana, durante il mercato, verrà presa una decisione.